Homepage


Università di Padova


Dipartimento
Dipartimento

Osservatorio Astrofisico di Asiago
Osservatorio
Astrofisico


ricerca
Ricerca

area studenti
Area
Studenti

area dottorandi
Scuola di
Dottorato


Osservatorio Astronomico
Osservatorio
Astronomico


Progetti Educativi
Diffusione
Cultura
Scientifica


Bacheca
2009 Anno dell'Astronomia

meteo
Meteo

Link utili
Link

area studenti
 

STUDIARE ASTRONOMIA

Chi è e cosa fa un astronomo
Perchè scegliere una laurea in Astronomia
Perchè a Padova
Cosa imparerai
Le prospettive di lavoro

La trasmissione JOBS di TV7 Triveneta, che si occupa delle professioni a cui è possibile accedere attraverso i corsi di laurea dell’Università di Padova, ha dedicato all’Astronomia la puntata del 20/04/2012.



Chi è e che cosa fa un Astronomo

L’Astronomo o Astrofisico è un ricercatore che indaga e interpreta i fenomeni fisici che riguardano l’universo. Con osservazioni da Terra e dallo Spazio, l’Astrofisico studia la natura di pianeti (anche extrasolari) stelle, galassie e di tutti i sistemi e le strutture dell’universo, vicini e remoti. Usando modelli matematici e fisici ne interpreta e ricostruisce l’origine e l’evoluzione nello spazio-tempo. Astronomi e Astrofisici sfruttano l’Universo come un vero e proprio laboratorio di fisica, perchè in esso hanno luogo fenomeni estremi e si verificano condizioni fisiche spesso non riproducibili nei normali laboratori terrestri.
Le indagini dell’Astrofisico sono condotte usando i metodi delle scienze sperimentali, con esperimenti riproducibili ed osservazioni ripetibili. Questo lavoro sfrutta non solo tutte le attuali conoscenze della Fisica e della Matematica, ma anche molte nozioni di Chimica, Geologia, e Biologia. Tecniche avanzate di Ingegneria (soprattutto meccanica, elettronica, ottica, computazionale) e sofisticate procedure Statistiche e Informatiche di analisi dati sono ampiamente utilizzate dall’Astrofisico nel suo sforzo di comprensione dell’universo. L’indagine astrofisica stimola anche lo sviluppo tecnologico: per questo in ogni istituto di ricerca astronomica esistono laboratori avanzati dove gli studenti imparano ad utilizzare le tecnologie più moderne, spesso in contatto con industrie esterne.
Per diventare un bravo Astrofisico non occorre essere esperti in tutti questi campi. Serve però una buona preparazione di base di Matematica e Fisica (fornita nei primi 2 anni della Laurea in Astronomia), prima di passare alle applicazioni più astrofisiche, discusse soprattutto al terzo anno della Laurea Triennale, nella Laurea Magistrale e nel Dottorato di Ricerca.

Perché scegliere una Laurea in Astronomia

Il lavoro dell’Astrofisico é di certo affascinante. Egli é in contatto costante con gli sviluppi della nostra conoscenza dell’universo. Contribuisce a rispondere alla più ancestrale delle domande dell’umanita: ’’Chi siamo? Da dove veniamo?’’ Per questo l’Astrofisica é una passione che va coltivata, legata al naturale istinto dell’uomo di osservare il cielo e di interrogarsi sull’origine del mondo.
L’Astrofisica é, a pieno titolo, una branca della Fisica, di cui condivide le modalità di indagine, e alla quale fornisce dati e osservazioni (ad esempio sugli stati degeneri della materia, o sulle fasi estreme di temperatura, densità ed energia che caratterizzano i primi istanti di vita dell’universo) che la Fisica non potrebbe altrimenti ottenere. L’Astrofisica usa le conoscenze della Fisica per interpretare i fenomeni celesti.
Una Laurea in Astronomia fornisce quindi delle basi fisico/matematiche analoghe a quelle fornite da una Laurea in Fisica, con in più argomenti e applicazioni specifici per lo studio del cosmo. Per studiare l’universo occorre inoltre conoscere diverse tecniche statistiche, informatiche e ingegneristiche, che hanno un alto contenuto professionalizzante. Non sorprende quindi che molti laureati in Astronomia negli ultimi 20 anni abbiano trovato occupazione di alta professionalità nell’industria e in enti di ricerca anche non legati all’Astrofisica.

Perché a Padova

Storicamente il polo astronomico padovano é il più importante in Italia. La tradizione astronomica di Padova risale a Galileo Galilei, che proprio a Padova effettuò le prime osservazioni dei satelliti di Giove nel 1609. Ancora oggi questa tradizione si mantiene: l’Osservatorio Astrofisico di Asiago ospita fin dal 1942 i maggiori telescopi astronomici su suolo italiano.
Inoltre:

  • L’Università di Padova é l’unica in Italia a fornire un formazione completa in Astrofisica, strutturata in un Corso di Laurea, Laurea Magistrale e Dottorato di Ricerca completamente autonomi. I numerosi accordi di cotutela con Università europee ed extra-europee danno una prospettiva naturalmente internazionale alla formazione dei nostri studenti.
  • Il Corso di Laurea Magistrale offre anche un percorso internazionale attraverso il programma europeo AstroMundus, che prevede un percorso formativo in comune con le Università di Belgrado, Gottingen, Innsbruck, Padova e Roma.
  • Il Dipartimento di Astronomia dell’Università di Padova, con 9 professori ordinari, 7 professori associati e 6 ricercatori, é il più grande in Italia.
  • L’offerta formativa e la qualità della didattica sono arricchite dalla stretta collaborazione con il vicino Osservatorio Astronomico, uno dei maggiori in Italia, con 46 ricercatori.
  • La presenza di 32 dottorandi e di una trentina di borsisti post dottorato (che lavorano presso il Dipartimento di Astronomia o l’Osservatorio Astronomico) arricchiscono ulteriormente l’ambiente culturale entro cui, fin dal secondo anno di Laurea, gli studenti di Astronomia a Padova si muovono e crescono.
  • A Padova ha sede il Centro Interdipartimentale di Scienze Astrofisiche e Spaziali (CISAS), un centro di coordinamento di attività scientifiche e tecnologiche. Questo dà al polo astronomico padovano una valenza ulteriore per quanto riguarda osservazioni astrofisiche dallo spazio, oggi sempre più rilevanti. Fornisce inoltre agli studenti maggiori possibilità di contatto con la ricerca astronomica e tecnologica di frontiera.
  • Presso il Dipartimento di Astronomia di Padova ha sede la più importante scuola di Dottorato di Ricerca in Astronomia in Italia, con in media più di 30 iscritti in totale. La scuola di Dottorato raccoglie laureati in Astronomia e Fisica di Padova e di altre università italiane ed estere.
  • Infine, il Dipartimento di Astronomia è membro dell’EARA (European Association for Research in Astronomy), un consorzio che riunisce i sei più importanti istituti di ricerca e formazione astronomica in Europa, e favorisce la circolazione e lo scambio di studenti e ricercatori in ambiente europeo.

L’offerta formativa dei corsi di Laurea e di Studio in Astronomia è quindi vasta e articolata, e si avvale di strumentazione avanzata e laboratori specialistici disponibili in sede.

Cosa imparerai

Alla fine del corso di studi in Astronomia avrai raggiunto un’ampia conoscenza degli strumenti matematici necessari ad affrontare lo studio della fisica classica e quantistica; avrai una solida padronanza delle nozioni fondamentali di astronomia e astrofisica; un’adeguata esperienza di laboratorio e nell’uso dei telescopi ottici (sede di Asiago, dove sono previste esercitazioni notturne), dei telescopi spaziali (X, UV, ottici, infrarossi) e dei radiotelescopi, della elaborazione dati da essi ottenibili; una buona padronanza dell’inglese. Avrai imparato a fare ricerca scientifica in modo rigoroso.
Se sei più interessato alle applicazioni tecnologiche, ma vuoi comunque coltivare la tua passione per l’Astrofisica, potrai imparare a costruire strumenti e telescopi, per osservazioni dalla Terra e dallo spazio, sfruttando tecnologie di frontiera; potrai lavorare in laboratori di ricerca tecnologica avanzata e avere un contatto diretto con il mondo industriale.

Le prospettive di lavoro

L’aspirazione principale di chi sceglie di studiare Astronomia all’Università è quella di dedicarsi all’attività di ricerca e all’insegnamento a livello universitario. A questo fine è necessario completare il corso di studi in tutti i suoi livelli, inclusa la Laurea Magistrale e il Dottorato. Tuttavia è possibile entrare nel mondo del lavoro già con la laurea di primo livello, per esempio nel settore informatico o in industrie ottiche o che si occupano di attività spaziali.
La Laurea Magistrale in Astronomia permette di dedicarsi all’attività di ricerca presso dipartimenti universitari, osservatori astronomici, enti di ricerca nazionali (Consiglio Nazionale delle Ricerche, Agenzia Spaziale Italiana, Istituto Nazionale di Astrofisica, ecc.) e istituti internazionali finanziati dall’Italia come l’European Southern Observatory (ESO) e l’European Space Agency (ESA). Va sottolineato che i laureati e i dottorati formati a Padova sono sempre più richiesti in istituti di ricerca e università straniere.
La Laurea e il Dottorato di Ricerca in Astronomia consentono inoltre di trovare impiego presso industrie che sviluppano attività spaziali o producono strumentazione ottica, dove la conoscenza specifica di un astronomo risulta particolarmente utile. Tali competenze sono anche richieste nel settore della trasmissione ed elaborazione dati: ad esempio in ambito spaziale, ma anche nella meteorologia e nel settore medico.

torna su

homepage presentazione studiare astronomia riforma vita universitaria ccs
guida pratica laurea di I livello laurea di II livello tesi master di II livello